GREEN ECONOMY: DUE PAROLE PER SALVARE LA NATURA

La parola “economia” ormai è entrata a far parte della vita quotidiana di
ognuno, dai più piccoli ai più anziani, ma molto spesso non si ha piena
consapevolezza di cosa essa sia e quindi non si può nemmeno comprendere
ciò che ne deriva.
Economia, per definizione, è un sistema di interazioni che garantisce una
determinata organizzazione, detta appunto sistema economico. Essa quindi
ha le proprie radici in quasi tutti gli ambiti politici e sociali e influenza
continuamente lo sviluppo della popolazione. 
Molti aspetti economici sono considerati “negativi” per la società: il consumo
in particolare spaventa gli Stati che perciò cercano costantemente di
risparmiare. Vi sono diverse maniere per far questo e tra esse, una molto
innovativa, è sicuramente la cosiddetta Green economy. Si tratta di
un’economia ecologica, ovvero un modello teorico di sviluppo economico
basato su un’analisi bioeconomica che prende in considerazione l’impatto
ambientale delle attività umane, andando anche a modificare positivamente il
PIL nazionale.
Questo esame propone soluzioni economiche e legislative in grado di ridurre i
disastri naturali, il consumo di materie prime ed energia e allo stesso tempo
promuove uno sviluppo sostenibile con la conseguente riduzione
dell’inquinamento locale e globale.
La green economy ha interessato particolarmente la Puglia che è,
attualmente, la regione leader nella produzione di energia pulita da fonti
eoliche e fotovoltaiche. Essa offre anche numerose opportunità di lavoro
presso aziende nazionali e multinazionali che hanno l’obiettivo di promuovere
un programma innovativo nel rispetto dell’ambiente.
Questo nuovo “modello” di economia potrà essere il cambiamento radicale,
utile alle istituzioni, per poter migliorare nel tempo le proprie attività evitando
lo sfruttamento eccessivo delle risorse naturali.
Sarà quindi proprio l’economia verde a salvare il mondo dall’enorme impronta
ecologica che l’uomo sta lasciando dietro di sé?

Giorgia Giannelli, 4^H L.S.S. Enrico Fermi, Bari

Precedente CORRUZIONE: UN FENOMENO SEMPRE PIU’ PRESENTE IN ITALIA Successivo Cos’è la corruzione?